SIMBIOSYS: Spectrometers and Imagers for MPO BepiColombo Integrated Observatory SYStem

Plot
Figure 1:MPO BepiColombo

 SIMBIOSYS is the complex instrument that will provide images and spectra in Vis/NIR range of the entire surface of Mercury for the ESA cornerstone n.5 BepiColombo. The mission will explore the closest planet to the Sun with two modules: the MPO, realized in Europe, dedicated to the remote sensing of the surface and the radio science, and the MMO, realized in Japan, dedicated to the study of the magnetosphere and the exosphere of Mercury. The BepiColombo payload has been selected and approved by ESA on November 2004 and the launch of the mission, through the Ariane launcher, will be on August 2014. SIMBIOSYS is composed by three optical heads: the high resolution channel (HRIC), achieving the maximum spatial resolution of 5 m per pixel, the stereo channel (STC), providing the Digital Terrain Model of the entire surface with the best spatial resolution of 50 m per pixel, and the Vis/NIR spectrometer (VIHI), providing the hyper spectral global mapping of the surface in the spectral range of 400-2000 nm.

Plot
Figure 2:SIMBIOSYS, VIHI on the left, the two sub-channel of STC in the middle, and HRIC (larger aperture) on the right.

The Astronomical Observatory of Padova is CoPI of SIMBIOSYS and has the overall responsibility of the stereo channel. Up to now only on Mar Express there is a stereo camera, but the weight is 21 kg instead of the 11.5 kg allocated to SIMBIOSYS (including the spectrograph). The low resources allocated to each instrument on board the BepiColombo mission, because of the harsh environment, stimulated our group to analyse any detail that may have an impact on the stereo reconstruction, from hardware to specific software written for our camera till the observing strategy. We are working on a new approach to stereo technique based on the push-frame instead of the push-broom utilized even from the terrestrial satellites, and on a new instrument concept characterized by an original optical design and a custom detector based on CMOS-hybrid technology. There will be a single focal plane assembly for both stereo channels.  

People: G.Cremonese (CoPI), D.Fantinel, E.Giro

Collaboration: Padova Univ. (CISAS, Geology Dep., Astronomy Dep., Physics Dep., Electronic Engineer Dep., Mechanical Engineer Dep., Architecture Dep. and Geomatics Dep.), Parma Univ., Pescara Univ., INAF OA Napoli, INAF OA Catania, IASF, IFSI, Lecce Univ. The SIMBIOSYS international team has 68 CoIs from 13 different countries.

Publications: Sgavetti et al. (2007), PSS 55,1596; Massironi et al. (2008), PSS 56,1079; Cremonese (2008), cosp 37,599

Links: STC

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • L'analisi delle accuratissime misure tridimensionali delle velocità di alcuni milioni di stelle nella nostra galassia ottenute dalla missione Gaia rivelano le tracce di un passato incontro ravvicinato con un'altra galassia più piccola. Nel team di rcercatori che ha condotto lo studio, anche Ronald Drimmel ed Eloisa poggio dell'Inaf

  • Tess, il nuovo cacciatore di pianeti della Nasa, fornisce i suoi primi e preziosi dati, che aiuteranno gli scienziati a scoprire e studiare nuovi pianeti extrasolari, regalandoci un'immagine dettagliata del cielo sud, ripresa con tutte e quattro le telecamere a largo campo del satellite. In questa sua prima luce, Tess ha catturato una moltitudine di stelle e altri oggetti, compresi i sistemi già noti per avere pianeti extrasolari. La sua caccia a nuove Terre è cominciata

  • L’inizio delle attività della sonda europea ExoMars Tgo attorno a Marte è stato in parte condizionato dalla gigantesca coltre di sabbia rossastra che ha celato alla vista la superficie per diversi mesi. Ora stanno cominciando ad arrivare nuove immagini, in alcune delle quali si vedono probabilmente i segni della tempesta

  • Il telescopio spaziale Hubble ha rilevato un’insolita emissione infrarossa proveniente da una stella di neutroni. Due sono le ipotesi al vaglio dei ricercatori: un disco di polvere che circonda la stella di neutroni, oppure un vento energetico proveniente dalla pulsar centrale. La scoperta e le due possibili interpretazioni per l'insolito ritrovamento sono state pubblicate su Astrophysical Journal

  • La Società italiana di fisica (Sif), il cui Congresso nazionale è in corso in questi giorni all’università della Calabria, ha assegnato il premio “Giuseppe Occhialini” a Elena Pian, astronoma dell’Istituto nazionale di astrofisica a capo del team che, per primo, ha ottenuto lo spettro della coalescenza di una coppia di stelle di neutroni

  • Criovulcani hanno eruttato lungo tutta la storia di Cerere, ma tale continua attività non ha avuto lo stesso esteso impatto sulla superficie del pianeta nano che ha avuto il vulcanismo basaltico sulla Terra

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information