Next Seminars

 

January 2018

  • 18-1-2018 ore 11.30 Andre' Moitinho (Lisbon University) "Enabling a visual based exploration of the Gaia archive and other large data sets"

  • 25-1-2018 ore 11.30 Alan Garcia (Universita' di Padova) "Balmer emission along the 4DE1 main sequence"

  • 26-1-2018 ore 11.30 Zuhui Fan (Department of Astronomy, School of Physics, Peking University) "Cosmological studies with weak lensing peak statistics"

February 2018

  • 1-2-2018 ore 11.30 Fabrizio Bonoli (Dipartimento di Fisica e Astronomia, Università di Bologna) "Is the Guido Horn d’Arturo’s tessellated telescope really the forefather of the modern large multi-mirror telescopes?"

  • 15-2-2018 ore 11.30 Maryloli Martnez-Aldama (Instituto de Astrofisíca de Andalucía) "Extreme accretor quasars at high redshift"

  • 22-2-2018 ore 11.30 Alexander J. Mustill (Lund Observatory, Department of Astronomy & Theoretical Physics, Lund University) "Dynamics of compact planetary systems"

  • 23-2-2018 ore 11.30 Richard Anthony D'Souza (Specola Vaticana) "Titolo da decidere"

March 2018

  • 8-3-2018 ore 11.30 Hans-Walter Rix (MPIA Heidelberg) "Titolo da decidere"

  • 22-3-2018 ore 11.30 Luca Zampieri, Giampiero Naletto, Cesare Barbieri (OA-Univ Padova) "Il progetto Aqueye+Iqueye"



Seminars HOME

 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Riprese eccezionali quelle effettuate da un appassionato che stava provando la nuova fotocamera attaccata al telescopio: una supernova, nel momento esatto in cui emette il primo impulso luminoso. L’impresa gli è valsa una pubblicazione su Nature assieme al gruppo internazionale di astrofisici che ha condotto le successive analisi

  • La missione è stata fondamentale nella raccolta di alcuni dati sul ghiaccio presente su Marte. Ora torna in vita in alcuni scatti di fine 2017

  • Scoperta nell’agosto del 2016, la supernova superluminosa Des16C2nm (la più lontana a oggi conosciuta) è stata ora oggetto d’analisi spettrale in ultravioletto. «Questi oggetti potrebbero diventare candele cosmologiche standardizzabili ben oltre il limite consentito dalle supernove Ia», dice a Media Inaf Andrea Pastorello dell'Inaf di Padova

  • Identificare la chiralità delle molecole è di importanza cruciale in molte applicazioni chimiche e farmaceutiche. Su Nature Physics è stato pubblicato uno studio che riporta un nuovo metodo con impulsi laser di durata estremamente breve per eccitare gli elettroni delle molecole in modo da rivelarne la preferenza rotazionale

  • La sonda Juno colpisce ancora: a ogni passaggio ravvicinato dell'atmosfera gioviana ci regala eccezionali scatti di nuvole, cirri e cumuli da un altro pianeta. Qui rielaborati dal citizen scientist Kevin M. Gill

  • È la più vicina super-Terra mai osservata tramite la tecnica della lente gravitazionale. A scoprirla, nella costellazione del Toro, durante alcune osservazioni condotte nella notte di Halloween dello scorso anno, è stato un team di scienziati guidato da ricercatori dell'Università del Salento associati Inaf e Infn

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information