Seminars 2004

Dicembre

  • 2-12-2004 ore 11:30 G. Cremonese (INAF-Osservatorio Astronomico di Padova) "La missione Bepi Colombo e la Stereocamera"

Novembre

  • 30-11-2004 ore 11:30 Mariangela Bernardi (Carnegie Mellon, Pittsburgh) "Early-type galaxies in the SDSS: Evolution, Environment and Mass"
  • 25-11-2004 ore 11:30 U. Munari (INAF-Osservatorio Astronomico di Padova) "I primi 50mila spettri di RAVE, la survey multi-fibre della Galassia ad anticipare GAIA con simile copertura e risoluzione spettrale"
  • 18-11-2004 ore 11:30 L. Stanghellini (NOAO, Tucson) "Magellanic Cloud Planetary Nebulae as probes of stellar evolution and populations"
  • 11-11-2004 ore 11:30 Yoel Rephaeli (Tel Aviv Univ. e UC San Diego) "Cosmology with the Sunyaev-Zeldovich effect"
  • 4-11-2004 ore 11:30 L. Girardi (INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste) "Progresses in the modelling of resolved stellar populations"

Ottobre

  • 27-10-2004 ore 11:30 J.A.L. Aguerri (IAC, Spagna) "Transformations of galaxies in clusters"
  • 28-10-2004 ore 14:30 M. Capaccioli (Univ. Federico II e Oss. Astron. Napoli) "Status del VST e suo utilizzo scientifico"
  • 21-10-2004 ore 16:00 R. Williams (STSci) "New Techniques in High Resolution Nebular Spectroscopy"

Settembre

  • 28-9-2004 ore 16:00 T. de Zeeuw (Leiden Observatory) "SAURON and the Fossil Record of Galaxy Formation"
  • 27-9-2004 ore 11:30 Yasunori Fujii (Adv. Res. Inst. for Science and Engineering, Waseda University, Tokyo, Japan) "Theoretical analysis of the recent results on the possible time-variability of the fine-structure constant from QSO absorption lines"
  • 24-9-2004 ore 11:30 Inese Ivans (Caltech, USA) "Chemical Clues to the Construction of the Halo: Stellar Insights"
  • 20-9-2004 ore 11:30 L. Popovic (Osservatorio Astronomico di Belgrado) "Physical and Kinematical Properties of AGNs: From Narrow to Broad Emission Lines"

Giugno

  • 15-6-2004 ore 11:00 Adam Burrows (Department of Astronomy, University of Arizona) "Giant Planets and Brown Dwarfs: New Theory for New Worlds"

Maggio

  • 27-5-2004 ore 11:00 Massimo Stiavelli  (STScI) "Ultra-deep fields with HST and JWST"
  • 20-5-2004 ore 11:00 L. Amendola (INAF - Oss. Astron. Roma ) "From Dark Energy to Dark Force"
  • 13-5-2004 ore 11:00 Ivo Saviane (ESO, Cile ) "LA RELAZIONE LUMINOSITA' INFRAROSSA -- METALLICITA' DELLE GALASSIE IRREGOLARI NANE"

Aprile

  • 22-4-2004 ore 11:00 Paolo Battinelli (INAF - Oss. Astron. Roma ) "A Carbon Star Approach to the Local Group Galaxies"

Marzo

  • 25-3-2004 ore 11:00 Marina Orio (INAF - Oss. Astron. Torino ) "Shell hydrogen burning on the White Dwarfs of single degenerate SNe Ia progenitors"
  • 19-3-2004 ore 11:00 Alexandre Vazdekis (Instituto de Astrofísica de Canarias ) "Absorption line indices for constraining galaxy formation scenarios"
  • 18-3-2004 ore 11:00 E. Ellingson (University of Colorado ) "The Red Sequence Cluster Survey: First results from z~1 clusters"
  • 11-3-2004 ore 11:00 R. Ragazzoni (INAF - Osservatorio Astrofisico di Arcetri ) "Strumentazione a grande campo per LBT (e non solo)"
  • 4-3-2004 ore 11:00 P. Marigo (Dip. Astron. Univ. Padova) "The Planetary Nebula Luminosity Function as a Standard Candle: Population Effects on the Bright cut-off"

Febbraio

  • 19-2-2004 ore 16:00 A. Maeder (Geneva Observatoire) "Stellar rotation and magnetic fields: the effects on evolution and nucleosynthesis"
  • 6-2-2004 ore 11:30 S. Zaggia (INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste) "Porting a High Performance WF Image Pipeline on a Beowulf Cluster"

Gennaio

  • 30- 1- 2004 ore 11:30 O. De Marco (Dep. of Astrophys. American Museum of Natural History)"A spectroscopic study of 50 Blue Stragglers in 4 Globular Clusters"
  • 29- 1- 2004 ore 11:30 P. Marigo (Dip. Astron. Univ. Padova)"Modelling AGB populations: The Impact of Variable (non-solar scaled)  Molecular Opacities"
  • 22- 1- 2004 ore 11:30 G. Granato (INAF-Oss. Astronomico,Padova)"A Physical Model for the Co-evolution of QSOs and of their Spheroidal Hosts "
  • 15- 1- 2004 ore 11:30 A. Buzzoni (INAF-Oss. Astronomico, Brera-Bologna)"La sintesi delle popolazioni stellari come strumento di indagine nello studio delle proprieta' evolutive delle galassie"
  • 8- 1- 2004 ore 11:30 Guillaume Blanc(INAF-Oss. Astronomico Padova)"Supernova Explosion Rate Measurement "

Previous seminars 2012 Seminars HOME

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Uno studio internazionale, a cui ha partecipato Sandro Scandolo dell’Ictp di Trieste, ha identificato con precisione il processo attraverso il quale - dal quarzo sottoposto ad alte pressioni nel mantello terrestre - si forma la coesite. Questo minerale si origina anche a seguito di impatti meteorici, contribuendo quindi a identificare l’origine dei crateri

  • Un nuovo studio guidato da Antonino Petralia dell'Inaf di Palermo presenta i risultati di recenti simulazioni d’un evento di pioggia coronale, osservato il 4 novembre 2015, allo scopo di comprendere il meccanismo alla base del processo di frammentazione e ricaduta del plasma

  • Pubblicata dall’International Astronomical Union, è ora disponibile la prima lista comparativa internazionale di parole astronomiche nelle lingue dei segni. «Per una sempre maggiore inclusione di ogni persona, qualunque sia la sua condizione fisica o sociale, nel meraviglioso mondo dell'osservazione del cielo», dice il Segretario Generale Iau Piero Benvenuti

  • L'andamento dell’emissione di sodio attorno a Mercurio, così come osservato dalla Terra, può essere un vero e proprio campanello d’allarme nell’ambito della meteorologia spaziale planetaria e può fornire utilissime indicazioni sulla propagazione delle perturbazioni solari ben prima del loro eventuale arrivo alla Terra. Lo studio è stato guidato da Stefano Orsini dell'Inaf

  • Usando lo strumento Muse dell'Eso, alcuni ricercatori hanno scoperto una stella all'interno dell'ammasso stellare Ngc 3201 che si comporta in modo molto strano: sembra che orbiti intorno a un buco nero, il primo di massa stellare inattivo individuato all'interno di un ammasso globulare direttamente grazie alla sua attrazione gravitazionale

  • Il telescopio spaziale Hubble punta l’obiettivo su Act-Clj0102-4915, l’ammasso più massiccio, più caldo e il più grande produttore di raggi X mai scoperto nell’universo remoto. Un gigante da 3 milioni di miliardi di masse solari, fra gli obiettivi della prossima missione Jwst

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information