Seminars 2009

Dicembre

  • 17-12-2009 ore 11:30 Christoph Mordasini (Max Planck Institute for Astronomy, Heidelberg, Germany) "Planetary population synthesis"
  • 10-12-2009 ore 11:30 S. Bonometto (Universita' Milano-Bicocca) "Cosmological models with CDM-DE coupling & neutrino mass are more likely than LCDM"

Novembre

  • 12-11-2009 ore 11:30 L. Coccato (Max-Planck-Institut fur Ex. Physik, Garching) "Kinematic properties and dark matter content of early-type galaxy halos using PNe as kinematic tracers"
  • 6-11-2009 ore 11:30 A. Fontana (INAF - Osservatorio Astronomico di Roma) "LBT: Stato e prospettive"

Ottobre

  • 28-10-2009 ore 11:30 Alessandro Sozzetti (INAF - Osservatorio Astronomico di Torino) "Multiple-Planet Systems Characterization: Successes, and Future Challenges"
  • 15-10-2009 ore 15:30 Denija Crnojevic (ZAH, Heidelberg) "Stellar populations of dwarf galaxies in the Centaurus A group"
  • 2-10-2009 ore 11:30 Ray Jayawardhana (University of Toronto) "Exploring Young Brown Dwarfs: Disks, Companions and Bottom of the IMF"

Settembre

  • 17-9-2009 ore 15:00 Giovanni Cresci (INAF Osservatorio Astronomico di Firenze-Arcetri) "Witnessing galaxy formation and evolution at z>2 with SINFONI"
  • 3-9-2009 ore 11:30 Junichi Haruyama (JAXA, Giappone) "New observations of the lunar surface from the Kaguya mission"

Luglio

  • 29-7-2009 ore 11:30 T. Guillout (Observatoire de la Cote d'Azur) "ASTEP: An Antartica Search for Transitinx ExoPlanets"
  • 17-7-2009 ore 11:30 Ilaria Pascucci (Steward Observatory, The University of Arizona) "Timescales and Mechanisms for the Dispersal of Protoplanetary Disks"
  • 9-7-2009 ore 11:30 Chris Sneden (University of Texas at Austin) "The End of Nucleosynthesis: the Heaviest Elements in Metal-Poor Stars"
  • 2-7-2009 ore 11:30 Simon Verley (Universidad de Granada, Osservatorio Astronomico di Arcetri) "Star formation processes in M33: infrared, optical, and ultraviolet studies"

Giugno

  • 25-6-2009 ore 11:30 Y. Gaspar (Universita` Cattolica Brescia) "The large scale simplicity of the universe and the dynamical complexity of the Einstein Field Equations"

  • 19-6-2009 ore 11:30 L. Bianchi (Dep. of Physiscs and Astronomy, the Johns Hopkins University) "Star formation in the local universe and UV sky surveys: work in progress"

  • 18-6-2009 ore 11:30 T. Valentinuzzi (Dip. Astron. Universita' di Padova) "SUPERDENSE MASSIVE GALAXIES IN WINGS LOCAL CLUSTERS"

  • 16-6-2009 ore 15:30 L. Ferrario (Dep. of Mathematics The Australian National University) "Incidenza del  magnetismo sulla main sequence, nane bianche e stelle di neutroni"

  • 12-6-2009 ore 11:30 E. Grebel (Astronomisches Rechen-Institut, Zentrum für Astronomie der Universität Heidelberg) "Archaeology with Local Group Dwarf Galaxies"

  • 11-6-2009 ore 11:30 R. Moeller (German Aerospace Center, Inst. of Aerosp. Medicine Radiation Biology Division) "Ready to launch: The unique resistance of bacterial spores to simulated space conditions - an astrobiological story"

Maggio

  • 28-5-2009 ore 11:30 Angela Iovino (INAF, Osservatorio Astronomico di Brera) "How group environment alters galaxy evolution rates"
  • 21-5-2009 ore 11:30 Lidia Pieri (IAP, Parigi) "Halo Properties and indirect detection of dark matter with Gamma-Rays"
  • 14-5-2009 ore 11:30 Alberto Buzzoni (INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna) "Lucciole e lanterne: spunti di discussione critica nella comprensione dell'Universo profondo"

Aprile

  • 16-4-2009 ore 11:30 Sergio Messina (INAF - Osservatorio Astrofisico di Catania) "Il progetto RACE-OC: Rotation and ACtivity Evolution in Open Clusters"
  • 2-4-2009 ore 11:30 Nino Panagia (Space Telescope Science Institute) "Digging into the Past of Exploding Stars: Radio Observations of Supernovae"

Febbraio

  • 26-2-2009 ore 11:30 M. Bernardi (Dep. of Physics and Astronomy, Univ of Pennsylvania) "Massive galaxies in massive datasets "
  • 19-2-2009 ore 11:30 G. Beskin (Special Astrophysical Obs., Russian Academy of Sciences, Russia) "The naked eye otical counterpart of GRB 080319B"

Gennaio

    • 27-1-2009 ore 11:30 S. O. Kepler (Instituto de Fisica, UFRGS, Porto Alegre, Brazil) "Mass distribution and pulsations in white dwarfs"
    • 23-1-2009 ore 11:00 M. Stiavelli (STScI, Baltimore) "JWST: Status del progetto"
    • 22-1-2009 ore 11:30 D. Fabbian (IAC, Tenerife) "A new era for stellar abundances: non-LTE and 3D spectral line formation"

    Previous seminars 2012 Seminars HOME

    News – MEDIA INAF

    Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
    • Piccoli, economici ma capaci di captare con tempestività e precisione su tutta la volta celeste i segnali in banda X prodotti da lampi di raggi gamma, potentissime esplosioni cosmiche. Sono i nano-satelliti del progetto Hermes

    • Le indagini spettroscopiche condotte sui dati di Osiris-Rex rivelano la presenza di molecole d'acqua nei minerali che si trovano sulla superficie dell'asteroide Bennu: si tratta di silicati idrati, materiali antichissimi, originati nella nebulosa protosolare da cui si sono formati i corpi che popolano il Sistema solare, che contengono acqua nella loro struttura cristallina. Il commento di John Brucato (Inaf)

    • Anche Voyager 2, la sonda lanciatda dalla Nasa nel 1977, ha ufficialmente varcato i limiti estremi del nostro sistema planetario e continua il suo viaggio nello spazio interstellare. Per i ricercatori del Jpl in California che analizzano i dati che provengono dagli strumenti del veicolo spaziale, l'uscita si è verificata il 5 novembre scorso

    • Un team guidato dal ricercatore dell’Inaf di Palermo Ettore Flaccomio ha analizzato 68 brillamenti avvenuti in 65 stelle, osservandoli ai raggi X (con Chandra) e simultaneamente in ottico (con CoRoT) e in infrarosso (con Spitzer)

    • Kepler ha scoperto un nuovo esopianeta gigante temperato di lungo periodo, Kepler-1657b, i cui parametri fondamentali (soprattutto raggio e densità) non sembrano essere influenzati dal forte irraggiamento stellare, e la cui orbita è fortemente eccentrica. Media Inaf ne ha parlato con Aldo Stefano Bonomo, ricercatore all’Osservatorio astrofisico dell’Inaf di Torino, coinvolto in prima persona nella scoperta

    • L’astrofisico italo-americano, vincitore nel 2002 del Premio Nobel per la Fisica, è morto ieri all’età di 87 anni. «Quando ebbi il piacere e l’onore di conoscerlo personalmente», ricorda il presidente Inaf Nichi D’Amico, «rimasi inevitabilmente affascinato dal suo carisma»

    Edu INAF - Risorse e iniziative per la scuola e la società dell'INAF

    Go to top

    We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information