Relativistic Astrophysics

 Tidal effects on small bodies by massive black holes

Plot

 The compact radio source Sagittarius A* (Sgr A*) at the center of our Galaxy harbours a super massive black hole whose mass (∼ 3.7x10^6Msun) has been measured from stellar orbital motions. Sgr A* is therefore the nearest laboratory where supermassive black hole astrophysics can be tested, and the environment of black holes can be investigated. Since it is not an active galactic nucleus, it also offers the possibility to observe the capture of small objects that may orbit the central black hole. We studied the effects of the strong gravitational field of the black hole on small objects, like a comet or an asteroid. We also explore the idea that the flares detected in Sgr A* might be produced by the final accretion of single dense objects with mass of the order of 1020 g, and that their timing is not a characteristic of the sources, but rather of the space-time of the central galactic black hole they are moving in. The problem is studied numerically, using ray tracing techniques, in a Schwarzschild background. We find that tidal effects are strong enough to melt the solid object, and present calculated temporal evolution of the light curve of the infalling objects as a function of various parameters. Our modelling of tidal disruption suggests that during tidal squeezing the conditions for synchrotron radiation can be met. We show that the light curve of a flare can be deduced from dynamical properties of geodesic orbits around black holes and that it only weakly depends on physical properties of the source.

People: M. Calvani

Collaboration: A. Čadež, A. Gomboc, U. Kostić (Ljubljana Univ., Slovenia) 

Publications: Kostić et al. (2009), A&A in press; Čadež et al. (2008), A&A 487,527; Gomboc et al. (2008), ralc.conf. 141; Čadež et al. (2008), cosp 37,435

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La simulazione a più alta risoluzione mai realizzata di un buco nero in accrescimento ha dimostrato che i suoi getti relativistici “scodinzolano” con un movimento di precessione che segue l’inclinazione del disco di accrescimento attorno al buco nero stesso

  • I moti complessi della turbolenza del vento solare sono stati rappresentati con simulazioni elaborate grazie a super calcolatori, che evidenziano la comparsa di filamenti e vortici localizzati. Come ci spiega Denise Perrone, ricercatrice italiana che ha guidato il lavoro di ricerca presso l'Esa

  • Ferdinando Ferroni, Antonino Zichichi e le alte cariche dell'amministrazione abruzzese hanno accolto il Presidente della Repubblica nelle sale sperimentali all'interno del massiccio del Gran Sasso per i 30 anni dall'apertura degli storici laboratori

  • Utilizzando il telescopio spaziale della Nasa, i ricercatori dello dello Space Telescope Science Institute hanno trovato la popolazione più numerosa di nane brune - oggetti che sono più massicci dei pianeti ma che non brillano come stelle - finora conosciuta. Gli esperti hanno anche trovato tre pianeti giganti, tra cui un sistema binario dove due pianeti orbitano insieme in assenza di una stella madre

  • Anelli, archi, spirali… le strutture che segnano taluni dischi circumstellari potrebbero non sempre significare che lì, fra quelle particelle di polvere e gas in rotazione attorno a stelle neonate, sta prendendo forma un nuovo mondo. Una simulazione propone spiegazioni alternative

  • Su la testa, e scoprirete la città, è l’invito degli autori. Aggirandosi a caccia di stelle, comete, animali dello zodiaco, i ragazzi potranno percorrere i luoghi culturali e artistici della città in chiave “astronomica”. Lo ha letto per noi Francesca Brunetti, bibliotecaria all'Inaf di Arcetri

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information