INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Specola e Dipartimento di Fisica ed Astronomia.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr.ssa Annalisa De Cia
When:
13.12.2018 - 13.12.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 13 Dicembre 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Annalisa De Cia 

   ESO, Garching
 
 

 Metals and dust in the neutral ISM, out to high-z

 ABSTRACT

Absorption-line spectroscopy is a powerful technique to characterize the properties of the ISM, from local environments out to small and possibly starforming galaxies at high z. In particular, we can determine metal abundances, metallicity, dust content, dust-to-metal ratio, nucleosynthesis signatures, kinematics in the ISM of these galaxies. However, the presence of dust dramatically changes the observed metal abundances, a phenomenon called dust depletion. I will discuss a way of taking dust depletion into account, based on the study of observed relative abundances, and thereby characterize the metallicity and nucleosynthesis signatures in high-z systems (as traced by GRB and QSO absorbers) as well as in the neutral ISM in the Galaxy.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Il 12 febbraio lo strumento HP3 è stato schierato con successo a circa 1 metro dal sismometro di InSight. La sonda penetrerà al di sotto della superficie del Pianeta rosso per almeno 3 metri, misurando la conducibilità termica del pianeta ogni 50 centimetri di profondità

  • A mettere la parola fine al problema che forse più sta tormentando gli astrofisici – ovvero, di quanto sta accelerando l’espansione dell’universo – potrebbero essere le onde gravitazionali prodotte dalla fusione di stelle di neutroni. Si tratta “solo” di attendere di vederne unirsi una cinquantina di coppie

  • Prende oggi il via la gara interregionale della XVII edizione delle Olimpiadi italiane di astronomia, che vede la partecipazione di 875 studenti, provenienti da tutte le regioni. Gli 80 ammessi alla finale nazionale si confronteranno a Matera il prossimo aprile

  • Arriva “Occhi su Marte” all’Università di Roma Tre, con la collaborazione dell’Inaf Iaps di Roma. Una serata di laboratori, conferenze e giochi per i più piccoli, che potranno simulare una tempesta marziana, costruire nebulose in bottiglia, farsi coinvolgere in una caccia alle particelle e scattarsi un selfie dalla superficie del Pianeta rosso

  • Il James Clerk Maxwell Telescope ha rilevato un brillamento stellare 10 miliardi di volte più intenso di quelli che avvengono sul Sole, in una delle regioni di formazione stellare a noi più vicine, la Nebulosa di Orione. Si tratta di una scoperta storica, che potrebbe svelare le risposte a domande vecchie di decenni sull'origine del nostro Sistema solare. Tutti i dettagli su ApJ

  • Update delle 20 – Al briefing della Nasa per discutere lo stato del suo Mars Exploration Rover Opportunity è stata ufficialmente comunicata la fine della missione: non ci saranno più tentativi di ristabilire i contatti

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information