INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Torre Orologio - Casa del Monizioniere.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. Richard Anthony D'Souza
When:
23.02.2018 - 23.02.2018
Where:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Venerdi 23 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Richard Anthony D'Souza

  Specola Vaticana
 

 Unravelling the Andromeda Galaxy's most massive merger

Abstract

The Andromeda Galaxy (M31), our nearest large galactic neighbour, offers a unique opportunity to test how mergers affect galaxy properties. M31's stellar halo caused by the tidal disruption of satellite galaxies is the best tracer of the galaxy's accretion history. Despite a decade of effort in mapping out M31's large stellar halo, we are unable to convert M31's stellar halo intoa merger history. Here we use cosmological models of galaxy formation to show that M31’s massive and metal-rich stellar halo containing intermediate age stars implies that it merged with a large (M* ~ 2.5 x 10^10 M_sun) galaxy ~2 Gyr ago. The simulated properties of the merger debris help to interpret a broader set of observations of M31’s stellar halo and satellites than previously considered: its compact and metal-rich satellite M32 is the tidally-stripped core of the disrupted galaxy, M31’s rotating and flattened inner stellar halo contains most of the merger debris, and the giant stellar stream is likely to have been thrown out during the merger. This accreted galaxy was the third largest member of the Local Group. This merger may explain the global burst of star formation ~2 Gyr ago in the disk of M31 in which ~1/5 of its stars were formed. Moreover, M31’s disk and bulge were already in place before its most important merger, suggesting that mergers of this magnitude do not dramatically affect galaxy structure.

Venue

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Street:
vicolo Osservatorio 5
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Il rover della Nasa ha perforato con successo un buco profondo circa cinque centimetri sul suolo marziano e raccolto un campione di polvere di roccia. Si tratta stato del primo campione ottenuto con il trapano da quando il sistema di perforazione aveva smesso di funzionare

  • Un team di astronomi guidato da Raffaella Anna Marino e Sebastiano Cantalupo del Politecnico di Zurigo ha recentemente scoperto, grazie a quasar impiegati come ”fari cosmici”, dieci galassie primitive e povere di stelle

  • L'atmosfera della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è tutt'altro che omogenea. Oltre agli improvvisi scoppi di gas e polvere, all’alba si possono osservare fenomeni ricorrenti, quotidiani, dove il gas sublimato e la polvere da lui trascinata, si concentrano per formare strutture a forma di getti. Un nuovo studio Nature Astronomy identifica nella strana forma della cometa la causa principale di questi getti

  • Si trova in un sistema binario a 6500 anni luce da noi. La risoluzione record con la quale è stata osservata è dovuta all’effetto ”lente” prodotto dal gas della nana bruna che le orbita attorno. Potrebbe contribuire a spiegare la natura dei Fast Radio Bursts. Lo studio esce oggi su Nature

  • Un videogioco multipiattaforma nato da un progetto dell'Infn per aiutare studenti e docenti a trattare in aula alcuni dei temi di punta della fisica contemporanea. È appena stato premiato dal Forum per la pubblica amministrazione, sarà accessibile gratuitamente dal 27 maggio ed è tutto ambientato nei Laboratori nazionali del Gran Sasso

  • Si chiama Susanna Rosi ed è una scienziata originaria di Castiglion Fiorentino la ricercatrice alla guida del team che ha scoperto, sperimentandolo per ora sui topi, un trattamento in grado di prevenire i danni cognitivi provocati dall’esposizione alle radiazioni cosmiche. Media Inaf l’ha intervistata

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information