INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. ssa Maryloli Martinez-Aldama
When:
15.02.2018 - 15.02.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 15 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Maryloli Martinez-Aldama

  Instituto de Astrofisíca de Andalucía
 

 Extreme accretor quasars at high redshift

Abstract

Currently the study of the AGN accreting close to the Eddington limit (L/LEdd~1) has taken an important role, due to their potential use as standard candles. With the purpose to understand the physics of these objects, we perform a spectroscopic analysis of a sample of highly accreting quasars at high redshift (z~2–3). Our sample were observed with the OSIRIS spectrograph on the GTC 10.4 m telescope located at the Observatorio del Roque de los Muchachos in La Palma. The highly accreting quasars were identified using the 4D Eigenvector 1 formalism, which is able to organize type 1 quasars over a broad range of redshift and luminosity. The kinematic and physical properties of the broad line region have been derived by fitting the profiles of strong UV emission lines such as AlIII λ1860, SiIII]λ1892 and CIII]λ1909. The majority of our sources show strong blueshifts in the high-ionization lines like in CIVλ1549, indicating a relation between the high Eddington ratios and the productions of outflows. The extreme radiative properties of highly accreting quasar make them prime candidates for maximum feedback effects on the host galaxy.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Un studio pubblicato su Nature, basato sulla Renaissance Simulation, presenta una nuova teoria sulla nascita dei primi buchi neri massicci, secondo cui condizioni particolari di aggregazione di materia oscura avrebbero favorito la formazione di buchi neri a scapito della formazione stellare

  • Si intitola “Astri perseguitati” la conferenza-concerto di Fabrizio Bònoli e Marco Padovani in programma domenica 27 a Firenze, nella biblioteca dell’Inaf – Osservatorio astrofisico di Arcetri, in occasione del Giorno della Memoria

  • Includendo Alma in una rete mondiale di radiotelescopi, gli astronomi hanno scoperto che l’emissione radio del buco nero supermassiccio che si trova al centro della nostra galassia proviene da una regione di appena un trentamilionesimo di grado: molto più piccola del previsto. Questo potrebbe anche indicare che il getto radio della sorgente è puntato quasi direttamente verso la Terra. Tutti i dettagli della ricerca su Astrophysical Journal

  • In attesa che il team della missione Hayabusa-2 decida il punto migliore in cui prelevare il campione di terreno da riportare a terra, tredici regioni dell’asteroide Ryugu hanno ora delle denominazioni ufficiali, derivate da racconti tradizionali per l’infanzia

  • Il Very Large Telescope dell’Eso ha catturato il debole, effimero bagliore che emana dalla nebulosa planetaria Eso 577-24: un guscio di gas ionizzato incandescente destinato ad affievolirsi fino a sparire nell’arco di 10mila anni

  • Usando i dati della sonda spaziale Cassini della Nasa, i ricercatori hanno determinato la durata esatta di un giorno su Saturno, pari a 10 ore, 33 minuti e 38 secondi. La risposta a questo mistero scientifico era nascosta nei suoi anelli, che risentono delle oscillazioni del campo gravitazionale provocate da vibrazioni all’interno del pianeta. Tutti i dettagli sono riportati su Astrophysical Journal.

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information