INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Torre Orologio - Casa del Monizioniere.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. ssa Maryloli Martinez-Aldama
When:
15.02.2018 - 15.02.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 15 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Maryloli Martinez-Aldama

  Instituto de Astrofisíca de Andalucía
 

 Extreme accretor quasars at high redshift

Abstract

Currently the study of the AGN accreting close to the Eddington limit (L/LEdd~1) has taken an important role, due to their potential use as standard candles. With the purpose to understand the physics of these objects, we perform a spectroscopic analysis of a sample of highly accreting quasars at high redshift (z~2–3). Our sample were observed with the OSIRIS spectrograph on the GTC 10.4 m telescope located at the Observatorio del Roque de los Muchachos in La Palma. The highly accreting quasars were identified using the 4D Eigenvector 1 formalism, which is able to organize type 1 quasars over a broad range of redshift and luminosity. The kinematic and physical properties of the broad line region have been derived by fitting the profiles of strong UV emission lines such as AlIII λ1860, SiIII]λ1892 and CIII]λ1909. The majority of our sources show strong blueshifts in the high-ionization lines like in CIVλ1549, indicating a relation between the high Eddington ratios and the productions of outflows. The extreme radiative properties of highly accreting quasar make them prime candidates for maximum feedback effects on the host galaxy.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Si chiama More, acronimo per Mercury Orbiter Radioscience Experiment, e riflettendo come uno specchio complessi segnali radio ad altissima frequenza, inviati da due enormi antenne terrestri, permetterà alla missione Esa BepiColombo di tracciare una sorta di tomografia dell’interno di Mercurio. E di mettere alla prova la Relatività generale di Einstein

  • Un team internazionale di ricercatori guidato da Olga Cucciati dell’Inaf di Bologna ha scoperto uno sterminato superammasso di galassie primordiali ribattezzato Hyperion, nome antico di Iperione, il titano della mitologia greca. Lo studio è pubblicato su Astronomy & Astrophysics

  • È appena stato pubblicato il nuovo podcast della Nasa dedicato alle esplorazioni spaziali. Sei episodi tratti dal libro “Read You Loud and Clearche” di Sunny Tsiao che narrano aspetti sconosciuti e retroscena della storia spaziale americana

  • Uno strumento tutto italiano consentirà di rilevare le sollecitazioni e accelerazioni che agiscono sul satellite Esa. Isa sarà necessario per la misura del campo gravitazionale di Mercurio, la determinazione del suo stato rotazionale e la verifica di alcune previsioni della Teoria della relatività generale

  • Alma rivela quattro pianeti della taglia di Giove e Saturno in orbita attorno a una stella di appena due milioni di anni, segnando due record. La prima osservazione di così tanti pianeti massicci in un sistema così giovane e la gamma più estrema di orbite finora osservate: il pianeta più esterno è oltre mille volte più lontano dalla stella rispetto a quello più interno. Solleva così domande sulla formazione di un tale sistema

  • Osservato un segnale elettromagnetico analogo a quello prodotto in occasione di Gw 170817. I due eventi sono stati generati dallo stesso fenomeno, ovvero la fusione di due stelle di neutroni che ha prodotto un fascio collimato di particelle ad alta energia. Il getto ha prodotto un breve, intenso lampo di raggi gamma

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information