INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

  • La notte europea dei ricercatori - 29.09.2017
  • Un’esplosione da record per Ogle14-073
Previous Next

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
75 anni del telescopio Galileo all'Osservatorio Astrofisico di Asiago
When:
30.09.2017 - 30.09.2017
Where:
Sede di Asiago Pennar - INAF Padova - Asiago (VI)
Category:
Per il pubblico

Description

Sabato 30 settembre, ad Asiago, si festeggiano i 75 anni del Telescopio Galileo! Il programma che prevede un incontro al Teatro Millepini e poi un Open Day all’Osservatorio Astrofisico di Asiago è in calce a questa pagina.

Scarica la locandina ufficiale dell’evento

Il 27 maggio 1942 fu inaugurato il telescopio Galileo all’Osservatorio Astrofisico di Asiago, all’epoca il più grande in Europa, costruito interamente dalle Officine Galileo di Firenze. Correvano i 300 anni dalla morte di Galileo Galilei, che dal 1592 al 1610 lavorò a Padova dove, a partire dal 1777, le osservazioni astronomiche vennero fatte dalla Specola, sede del nuovo Osservatorio Astronomico dell’Università patavina. L’aumento dell’inquinamento luminoso aveva però costretto gli astronomi a portare nel 1942 la sede osservativa sull’altopiano di Asiago.

Giovanni Silva ebbe la grande intuizione di dotare il telescopio anche di uno spettrografo a prismi, conservato nel MUseo degli Strumenti dell’Astronomia – MUSA. Fino al 1991 era possibile utilizzare il telescopio sia per riprendere immagini (nell’archivio sono conservate quasi 10.000 le lastre fotografiche) che spettri. Dal 1992 è possibile solo la ripresa di spettri in bassa e media risoluzione.

Il telescopio Galileo è operativo da ben 75 anni consecutivi, durante i quali si è distinto per studi internazionali, in particolare nel campo delle stelle variabili. In questi ultimi anni è stato impegnato: nella ricerca di novae e supernovae, stelle simbiotiche, transienti, AGN; nello studio di stelle peculiari nell’ambito della survey RAVE; nello sviluppo di nuove strumentazioni come IQUEYE (studio di fenomeni di ottica quantistica); nella didattica (Il Cielo come laboratorio) e nella divulgazione (Notte da astronomo).

Da alcuni anni è stato sviluppato il controllo remoto del telescopio, il quale può essere utilizzato anche da Padova, ma teoricamente da qualsiasi luogo con una buona connessione a internet.

È quindi importante festeggiare i 75 anni di attività, che coincidono con i 250 anni della fondazione della Specola di Padova, aprendo l’Osservatorio Astrofisico di Asiago per visite guidate e conferenze che ricordino i risultati e gli sforzi che sono stati fatti in tutti questi anni.

Programma della cerimonia per i 75 anni di attività del telescopio Galileo

10.00-10.15: Saluti del Rettore (o suo delegato) e del Sindaco di Asiago (o suo delegato)

10.15-10.40: Introduzione generale dei Direttori DFA e INAF Padova

10.40-11.00: Piero Rafanelli (professore ordinario dell’Università di Padova)

11.00-11.20: Giampaolo Piotto (coordinatore del corso di dottorato dell’Università di Padova)

11.20-11.40: Giampaolo Preti: Officine Galileo: il punto di vista del costruttore del telescopio

11.40-12.00: Annamaria Dal Sasso: ricordi del padre e del nonno che hanno edificato le strutture dell’osservatorio

12.00-12.20: Antonio Bianchini (professore dell’Università di Padova)

13.00: rinfresco a cura dell’istituto alberghiero

16.00-22.00: open day all’Osservatorio Astrofisico di Asiago, stazione del Pennar, con visite guidate gratuite alla cupola del telescopio Galileo ogni 30 minuti.

Venue

Venue:
Sede di Asiago Pennar - INAF Padova   -   Website
Street:
Località Pennar - via dell'Osservatorio 8
ZIP:
36012
City:
Asiago (VI)
Country:
Country: it

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La sonda europea è atterrata violentemente proprio dove era stato previsto dal team. Nel 2006 non esistevano sonde lunari in grado di rilevarne la posizione, sono stati necessari 11 anni per trovare una soluzione al mistero

  • Che l'universo si stia espandendo è ormai un fatto assodato. Ma con quale velocità? La risposta a questa domanda è invece tutt'altro che scontata, come racconta Patrizia Caraveo, direttrice dell’Inaf Iasf di Milano, in questo articolo pubblicato ieri su Il Sole 24Ore che vi riproponiamo con la sua autorizzazione

  • Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

  • La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

  • Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani

  • Arriva dagli scienziati della collaborazione Pierre Auger, di cui fanno parte anche ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica, la prima evidenza sperimentale che i raggi cosmici di alta energia provengono da zone esterne alla nostra galassia. Antonella Castellina (Inaf): « un passo fondamentale verso la scoperta delle sorgenti delle particelle più energetiche»

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information