INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

  • Un’esplosione da record per Ogle14-073
  • La notte europea dei ricercatori - 29.09.2017
Previous Next

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. i Martino Marelli e David Salvetti
When:
25.05.2017 - 25.05.2017
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 25 Maggio 2017, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

Martino Marelli e David Salvetti

  INAF - IASF, Milano

 Exploring the X-ray Transient and variable Sky

ABSTRACT

Modern X-ray observatories can yield unique insights into time domain astrophysics. Indeed, a huge amount of information is already stored - and largely unexploited - in data archives. The EXTraS project is harvesting the hitherto unexplored temporal domain information buried in the serendipitous data collected by the European Photon Imaging Camera (EPIC) instrument onboard the ESA XMM-Newton mission since its launch. This include a search for fast transients, missed by standard image analysis, as well as a search and characterization of variability (both periodic and aperiodic) in hundreds of thousands of sources spanning more than nine orders of magnitude in time scale (from <1 s to >10 yr) and six orders of magnitude in flux (from 10^-9 to 10^-15 erg cm^-2 s^-1 in 0.2-12 keV). All our results, together with new analysis tools, are made available to the community. The EXTraS project (2014-2016), funded within the EU/FP7 Cooperation Space framework, is carried out by a collaboration including INAF (Italy), IUSS (Italy), CNR/IMATI (Italy), University of Leicester (UK), MPE (Germany) and ECAP (Germany).

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La sonda europea è atterrata violentemente proprio dove era stato previsto dal team. Nel 2006 non esistevano sonde lunari in grado di rilevarne la posizione, sono stati necessari 11 anni per trovare una soluzione al mistero

  • Che l'universo si stia espandendo è ormai un fatto assodato. Ma con quale velocità? La risposta a questa domanda è invece tutt'altro che scontata, come racconta Patrizia Caraveo, direttrice dell’Inaf Iasf di Milano, in questo articolo pubblicato ieri su Il Sole 24Ore che vi riproponiamo con la sua autorizzazione

  • Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

  • La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

  • Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani

  • Arriva dagli scienziati della collaborazione Pierre Auger, di cui fanno parte anche ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica, la prima evidenza sperimentale che i raggi cosmici di alta energia provengono da zone esterne alla nostra galassia. Antonella Castellina (Inaf): « un passo fondamentale verso la scoperta delle sorgenti delle particelle più energetiche»

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information