Stellar Structure - Stellar structure and evolution

Stellar Structure and Evolution

The study of the structure of stars and of their evolution has a long tradition in Padova. Extensive grids of evolutionary stellar models, encompassing the whole range of masses and metallicities, have been computed and are periodically upgraded by incorporating the latest input physics. The models are published on the web, together with the isochrones and tables for a large range of photometric systems. We model the thermally pulsing AGB phase with special attention. This is one of the most uncertain stages of the stellar evolution theory, but it has a strong impact on the properties of intermediate age stellar populations.

The effects of weakly interacting massive Dark Matter particles (WIMPs) on the collapse and evolution of the first stars in the Universe are modeled to understand the role of the annihilation of DM on the fragmentation and mass of the first stars.
Observational data on stellar photometry and spectroscopy are collected and maintained up-to-date in two databases. The ADPS documents, calibrates and homogenizes more than 200 existing photometric systems; the ADSD, a database of spectroscopic databases, documents and homogenizes the existing databases of stellar spectra, in the UV, optical and IR spectral ranges.

Two projects for testing the stellar models are being developed at the OAPd. In one program we use the Asiago telescope to derive masses and radii of eclipsing binaries, whose properties are compared to stellar evolution tracks. Another program deals with asteroseismological studies, aimed at probing the stellar interior, using SARG at the TNG.

Complementary projects in the field of stellar evolution include the tomography of expanding nebulae to reconstruct their tri-dimensional structure and mass loss in late evolutionary phases.


Stellar Structure and Evolution: past studies

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • L'andamento dell’emissione di sodio attorno a Mercurio, così come osservato dalla Terra, può essere un vero e proprio campanello d’allarme nell’ambito della meteorologia spaziale planetaria e può fornire utilissime indicazioni sulla propagazione delle perturbazioni solari ben prima del loro eventuale arrivo alla Terra. Lo studio è stato guidato da Stefano Orsini dell'Inaf

  • Usando lo strumento Muse dell'Eso, alcuni ricercatori hanno scoperto una stella all'interno dell'ammasso stellare Ngc 3201 che si comporta in modo molto strano: sembra che orbiti intorno a un buco nero, il primo di massa stellare inattivo individuato all'interno di un ammasso globulare direttamente grazie alla sua attrazione gravitazionale

  • Il telescopio spaziale Hubble punta l’obiettivo su Act-Clj0102-4915, l’ammasso più massiccio, più caldo e il più grande produttore di raggi X mai scoperto nell’universo remoto. Un gigante da 3 milioni di miliardi di masse solari, fra gli obiettivi della prossima missione Jwst

  • La simulazione a più alta risoluzione mai realizzata di un buco nero in accrescimento ha dimostrato che i suoi getti relativistici “scodinzolano” con un movimento di precessione che segue l’inclinazione del disco di accrescimento attorno al buco nero stesso

  • I moti complessi della turbolenza del vento solare sono stati rappresentati con simulazioni elaborate grazie a super calcolatori, che evidenziano la comparsa di filamenti e vortici localizzati. Come ci spiega Denise Perrone, ricercatrice italiana che ha guidato il lavoro di ricerca presso l'Esa

  • Ferdinando Ferroni, Antonino Zichichi e le alte cariche dell'amministrazione abruzzese hanno accolto il Presidente della Repubblica nelle sale sperimentali all'interno del massiccio del Gran Sasso per i 30 anni dall'apertura degli storici laboratori

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information